"I'm a bird now", il grido di dolore di Antony Hegarty

"I Am a Bird Now" è il secondo dei quattro album di Antony Hegarty​ con la tappezzeria dei "The Johnsons", pubblicato nel 2005 e ispirato alla vita dell'attrice transgender  Candy Darling​, musa indiscussa di Andy Warhol.

La copertina del disco ritrae l'attrice Candy Darling

Lou Reed​ definì la sua voce come "angelica", e se lo dice lui ci possiamo fidare. Testi, melodie e arrangiamenti da cantautorato classico, ma con grande personalità. 

Molta sofferenza ovunque, s'intende, ma con indiscutibile stile, grande sensibilità e raffinatezza musicale.
Antony è un personaggio straordinario. 

Questo disco racconta una lotta all'ultimo sangue con la sofferenza interiore, è evidente. Ma nel contempo anche una spietata voglia di combatterla malgrado tutto. Così come la musica, i testi sono semplici e diretti, di quelli che puntano dritto all'obiettivo: il cuore. 

Antony Hegarty, oggi Anohni

Antony racconta la condizione di persona transgender senza mezzi termini e falsi stereotipi, con una purezza e un'onestà che ci coinvolge e ci conquista. I grandi artisti sono tali, sempre e comunque.
E a noi non interessa come si chiamano, a che genere appartengono, del colore della loro pelle oppure con chi trombano nel proprio letto. 

Questo tipo di pregiudizi non appartengono (e non dovrebbero appartenere) a chi è abituato all'accoglienza e all'abbraccio dell'altro o dell'altra, come noi di Musik Machine​. Che vi piaccia o meno.

Nella vita privata, così come quando (e soprattutto) ci confrontiamo con l'arte, che non ha confini e non li deve avere, che rende migliori le vite di tutti noi e difronte alla quale dovremmo soltanto inchinarci e ringraziare.

È più facile rompere un atomo che un pregiudizio. (Ronald Lippitt - attr. ad Einstein)
"Hope There's Someone" è un richiamo al calore dell'abbraccio, e si cala in una coda scura di accordi pianistici e armonie di canto estetico, mentre l'organo gli ruota intorno creando un vuoto psichico, un pò come la caduta nel mondo dei sogni.

Il disco è stato premiato con il Mercury Prize nel settembre 2005. Dopo il riconoscimento, l'album è salito nella classifica UK Albums Chart dalla posizione #136 alla #16 in una sola settimana. Nel settembre 2011, nel Regno Unito l'album ha venduto circa 220.000 copie

Be Musik, Be Free and Be Yourself!