SITO WEB IN AGGIORNAMENTO


Jon Gomm è uno tra i più apprezzati songwriter folk-rock inglesi, cantante ed eccellente chitarrista solista. Quando suona, riesce a creare contemporaneamente suoni percussivi, linee di basso e affascinanti melodie. Con voce soul esprime una originale vena compositiva, influenzata trasversalmente da Robert Johnson ai Radiohead, da Roni Size a Joni Mitchell.

Il nuovo Michael Hedges inglese. 

Ha partecipato a numerosi festival, e si esibisce principalmente in Inghilterra in oltre 200 concerti l'anno e ha collaborato con artisti del calibro di Tommy Emmanuel, Nick Harper e Bob Brozman. Lui è un talento senza mezzi termini, non tanto per l'incredibile bravura, quanto per il fatto che una volta tanto mi pare che i suoi 'ipertecnicismi' non siano solo sterili mosse da fenomeno come se ne vedono ormai sempre più spesso, quanto invece al servizio della musica. 

Tra le mani di Jon Gomm, una chitarra acustica è capace di suonare da basso, percussione, chitarra d'accompagnamento e chitarra solista, con tanto di distorsione ed effettistica completa. Far convivere tutte queste sfaccettature in un unico strumento e in un'unica esibizione può essere davvero ostico e bisogna fare i conti con la gestione del suono, che deve essere da un lato dotato di una definizione eccezionale, dall'altro morbido e ovattato, da un altro ancora profondo e pieno. 

E, non ultimo, deve avere anche i suoi momenti più spinti e aggressivi. Un riferimento per gli amanti del genere, ma anche una gustosa scoperta per chi non bazzica gli ambienti della chitarra acustica moderna, Jon Gomm sa senz'altro come tirare fuori il meglio dal suo strumento e il suo esempio può stimolare la creatività anche dei musicisti votati a stili lontani dal suo. 

Se è vero che il suono nasce dalle mani, è altrettanto vero che la chitarra su cui Jon poggia le sue sia uno strumento di ottima fattura e dotato di tutto il necessario perchè la sua creatività si possa esprimere al meglio. Questa "Passionflower" fa parte del suo album "Secrets Nobody Keeps" (2013). Ascoltate e meravigliatevi!

di Laura Denu


0 commenti:

Posta un commento